Il bicentenario
aspettando il 2015
AMICI
  • Copyright 2008 ©
  • Design Gi.Ti.erre Parma

CELEBRAZIONE DEI 150 ANNI DELL'UNITA' D'ITALIA
- INIZIATIVE BENEFICHE - IL MONUMENTO VERDI: L'ARENA DEL SOLE A ROCCABIANCA
UN LOGO PER VERDI

All’origine della collaborazione tra l’Amministrazione Provinciale di Piacenza e l’Associazione Verdissime.com vi è la figura del Maestro Giuseppe Verdi considerando l’imminenza del 2013 anno del bicentenario della nascita.

Un significato forte legato ai due luoghi verdiani per eccellenza che si trovano sul territorio piacentino: Villa Sant’Agata e l’Ospedale di Villanova. Uno, simbolo del Verdi compositore, imprenditore agricolo, compagno di Giuseppina Strepponi e l’altro del generoso benefattore. Due aspetti del grande “genio” che si completano nell’uomo politico che ha trovato una delle diverse espressioni anche in questo luogo: la Sala Consiglio della Provincia di Piacenza a lui intitolata.
Sulla base di questi ideali è nata l’Associazione Verdissime.com, sempre libera, formata da trentacinque donne, provenienti da diverse città italiane, che hanno assunto i nomi dei personaggi femminili delle opere di Giuseppe Verdi presentata ufficialmente a Milano, presso la boutique di Giulio Manfredi, lo scorso 10 ottobre, giorno della nascita del Maestro.
L’Associazione da oggi e fino al 2015, insieme alla Provincia di Piacenza, oltre a diffondere e favorire l'amore per la musica di Giuseppe Verdi, intende promuovere iniziative benefiche e di solidarietà, progetti per i giovani delle scuole con uno sguardo sul territorio piacentino ma anche ricercando collaborazioni e patrocini con importanti realtà italiane ed europee.

cult

(cliccare per scaricare il PDF)

Tra i primi progetti che le Verdissime.com intendono portare avanti vi è il Concorso Nazionale “VIVA V.E.R.D.I.” per la composizione di un Inno Patriottico in occasione dei 150 anni dell’Unità d’Italia che ricorrono nel 2011 coinvolgendo studenti di tutti i Conservatori italiani per quanto riguarda la musica, mentre per la creazione del testo esclusivamente le Scuole Superiori della Provincia di Piacenza, a seguito dell’adesione al bando diffuso dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri di cui si attende l’esito.
Nel 2013, per le celebrazioni di Verdi, tra le proposte che si stanno mettendo a punto vi è un progetto di grande importanza: la realizzazione della “Stanza di Verdi” all’interno dell’Ospedale di Villanova, significativa e concreta  testimonianza  dell’impegno sociale di Maestro essendo da lui voluto e finanziato; ne raccoglierà i documenti  riguardanti le vicende legate alla sua realizzazione essendo  allora un evento epocale per la piccola comunità di  Villanova.
L’altro progetto per il 2013 è rivolto alle Scuole: l'Associazione ha previsto di realizzare un libro a cura di Paola Dei (Abigaille, Nabucco) per dare una connotazione ai personaggi femminili che la rappresentano e per legare ognuna delle socie ad un filo comune rappresentato dal Maestro. All'interno del testo verranno lette e interpretate le eroine verdiane in base all'archetipo o agli archetipi che le hanno guidate e travolte nel corso della vita ma anche in base agli aspetti antropologici, magici e storico-politici che hanno determinato le vicende della loro vita. Il testo corredato di disegni che rappresentano le caratteristiche peculiari delle eroine verdiane sarà anche un modo per far conoscere meglio ai ragazzi dei licei e delle Università l'opera di Verdi, l'idea è infatti quella di far trascrivere anche ai ragazzi una piccola loro interpretazione da collocare sotto a quella psicologica. Potranno essere i ragazzi stessi che realizzano anche i disegni. Per questo lavoro verrà chiesto il Patrocinio del Ministero della Pubblica Istruzione e dell'Università. La prefazione-presentazione sarà cura del Presidente della Provincia di Piacenza. In fondo al testo una appendice che ci racconta in poche righe alcune cose delle reali socie. Sarebbe nostra intenzione presentare il libro, in una ‘giornata dedicata ai personaggi femminili’ di Verdi presso l’Auditorium S. Margherita della Fondazione di Piacenza e Vigevano. Il secondo progetto è il Concorso per la creazione del “logo-manifesto” delle celebrazioni verdiane del 2013 da sviluppare entro il 2012 insieme alla Provincia di Parma (tra le Scuole ad indirizzo artistico quali il Liceo Artistico Cassinari di Piacenza e l’Istituto d’Arte Toschi di Parma) con la finalità di realizzare una mostra itinerante. Il logo-manifesto che risulterà vincitore sarà adottato per le nostre iniziative nel 2013.
Tra le iniziative musicali: Amarcord delle coriste in pensione e Recital benefici da organizzare in luoghi verdiani quali l’Ospedale di Villanova, la Casa di Riposo Giuseppe Verdi di Milano, la Casa natale a Roncole Verdi di Busseto e Villa Sant’Agata.
Un appuntamento ricorrente già dal 2010 lo spettacolo per la Festa della donna (8 marzo) all’Arena del Sole di Roccabianca. Restaurato nella primavera del 2009, esso conserva alcune delle statue raffiguranti le opere di Giuseppe Verdi, un tempo parte del monumento che lo scultore Ximenes aveva innalzato a Parma all' inizio del secolo, distrutte quasi completamente da un bombardamento aereo nel 1944. A Roccabianca le Verdissime faranno un tributo a Giuseppina Strepponi, la compagna di Verdi e attraverso di lei desiderano omaggiare l’universo femminile in stretto legame all’importante cielo di affreschi racchiuso nella Rocca di Roccabianca: le Storie di Griselda, dall'ultima novella del Decamerone di Boccaccia, donna mite e forte, che affronta le crudeli e inspiegabili vessazioni che le sono inflitte dal marito Gualtieri, marchese di Saluzzo.
Proiezione del prezioso documentario riguardante la morte e i funerali a Milano di Giuseppe Verdi, gentilmente messa a disposizione dalla Cineteca storica di Milano.
Cercasi 35 stilisti di fama mondiale…… con questo slogan le Verdissime.com annunciano l’evento straordinario del 2013 –in collaborazione con una importante rivista di moda- riguardante la creazione dei relativi 35 costumi delle Verdissime.com. La serata si svolgerà con la sfilata in un castello della Provincia di Piacenza di 35 modelle che vestiranno l’abito pensato dall’artista di moda le quali sfileranno accompagnate dalle ‘intestatarie’ dei 35 personaggi verdiani.  La scenografia verdiana della serata sarà commissionata agli studenti di architettura del Politecnico di Milano, sede di Piacenza. Il ricavato della serata sarà messo a disposizione di studenti di musicologia della Scuola Civica di Musica di Bayreuth che intendano approfondire la figura di Verdi. Questa collaborazione trova motivazione per il fatto che Richard Wagner è nato nello stesso anno di Verdi, 1813 e a Bayreuth si tiene il Festival a lui dedicato. L’iniziativa di scambio sarà resa possibile dalla collaborazione con il Consolato di Germania.
Giulio Manfredi autore del nostro ‘simbolo’ e Presidente onorario delle Verdissime.com dall’anno prossimo creerà il “Premio Verdissime” che l’Associazione donerà ad una persona o ad una Istituzione che si sono particolarmente distinti in campo artistico, sociale attraverso di azioni di beneficenza o di generosità verso gli altri.
Nutrire il pianeta, energia per la vita è il tema dell’Expo 2015 che si terrà a Milano dal 1 maggio al 31 ottobre. Si tratta di una serie di iniziative, a cui parteciperanno 175 nazioni, volte a valorizzare il cibo come espressione di cultura e veicolo di socializzazione. Prendendo a pretesto questo soggetto le Verdissime.com, con la collaborazione della Provincia di Piacenza, intendo organizzare una ricerca sugli ingredienti per le ricette dei piatti all’epoca di Verdi da poter offrire ai visitatori dell’Expo. Si ipotizza di realizzare uno ‘stand’ verdiano che offre le prelibatezze del territorio piacentino esibendoli in modo originale. Questa ricerca e la preparazione delle ricette sarà proposta dalla nostra Associazione alla Scuola Alberghiera di Piacenza coinvolgendo chef di fama mondiale, mentre -oltre ai vini da servire- saranno interessate le aziende locali per la fornitura delle “materie prime”.
L’idea nasce e poi si svilupperà sulla base del menù della cena che Giuseppe Verdi ha consumato il 20 gennaio 1901 al Grand Hôtel et de Milan. I vari piatti -Julienne au crôte (minestra di verdura), Truite grillée à la maître d’hôtel (trota grigliata secondo lo chef), Aloyau de boeuf à la jardinière (filetto di manzo alla giardiniera), Pain de gibier-Asperges en branche (pane di cacciagione con gambi di asparagi), Dindonneau à la broche (tacchino allo spiedo), Glace aux framboises, Patisserie, Dessert (gelato ai lamponi, pasticceria, dessert)- costituiscono un motivo di interesse per creare collegamenti con i piatti dell’epoca. Nel suo trattato di gastronomia del 1868, Il Re dei Cuochi, Giovanni Nelli vengono descritte le portate e i vini che avrebbero potuto accompagnare il menu del maestro.