aspettando il 2015
AMICI
  • Copyright 2008 ©
  • Design Gi.Ti.erre Parma

ROCCABIANCA: FESTA DELLA DONNA 2015 - PARMA EXPO 2015 - BICENTENARIO DELLA NASCITA DI GIUSEPPINA STREPPONI - ADOZIONE A DISTANZA

AperiVerdi
piatti di versi in contro canto
Dal 22 al 25 settembre 2015
Antica Cereria di Borgo Tanzi, 5 - Parma (PR)

A Parma un progetto dell'associazione culturale Verdissime.com ricrea la scena del Falstaff per riscoprire la cucina che piaceva al Maestro Verdi, le sue passioni per il cibo e il vino. Con alcune interessanti scoperte. Un ghiotto progetto, teso a valorizzare il cibo come espressione di cultura e veicolo di socializzazione, riscoperta della nostra tradizione e indagine sulle passioni, enogastronomiche, di una delle maggiori personalità italiane nel mondo: Giuseppe Verdi. È il progetto che hanno realizzato le donne dell'associazione Verdissime.com - 35 socie: una per ciascun personaggio femminile delle 27 opere verdiane - cogliendo l'occasione del tema di Expo 2015. L'idea si è concretizzata così nella riproduzione di una delle più celebri scene di una delle opere più note del Maestro: l'Osteria della Giarrettiera del Falstaff. Qui si svolgerà, dal 22 al 25 settembre 2015, "AperiVerdi, piatti di versi in contro canto", manifestazione che si propone la promozione culturale del territorio in cui è vissuto il Maestro e il recupero, la difesa e la tutela dei saperi antichi custoditi dentro le cucine del nostro territorio, esaltando la tipicità dei prodotti.
L'evento
All'interno di uno dei più noti ristoranti del cuore antico della Città, l'Antica Cereria al numero 5 di borgo Tanzi, verrà ricreata l'atmosfera ottocentesca dell'Osteria, regno di Sir John Falstaff, e si proporranno in menu piatti antichi e accordi ricercati, tratti da un ricettario dell'Ottocento, scelti tra quelli che le testimonianze scritte ci raccontano essere tra i preferiti di Verdi, noto gourmet. Alla degustazione dei piatti, ciascuno abbinato ad un vino rigorosamente selezionato tra quelli dei produttori aderenti al Consorzio dei Vini dei Colli di Parma, si accompagnerà la musica e l'arte e la letteratura.
L'allestimento
Per legare le situazioni culinarie a Giuseppe Verdi, si sono utilizzati luoghi, situazioni e versi tratti dal Falstaff nel cui libretto si fa continuo riferimento al cibo, al vino, all'addome e ai piaceri vari legati alla buona tavola. L'Antica Cereria sarà trasformata in modo scenografico per ricreare l'ambientazione dell'ultima opera verdiana: l'Osteria della Giarrettiera. La realizzazione delle quinte sceniche è frutto del lavoro degli allievi del Liceo Artistico Cassinari di Piacenza, che hanno utilizzato lastre di polistirolo offerto dalla ditta Polisette di Sala Baganza. Sulla scena, tra tavolacci in legno, insegne e candelabri, un posto privilegiato spetterà alla "poltrona del Falstaff", ricreata su modello di quella utilizzata in occasione della prima rappresentazione dell'Opera verdiana. La curiosità riguarda, in questo caso, il materiale con cui è realizzato lo scranno: si tratta di una pelle 'commestibile', prodotta dagli scarti - torsoli e buccia - delle mele secondo un particolare procedimento messo a punto dalla ditta Frumat di Bolzano, che ne ha fatto dono all'Associazione.

La cucina, il vino, il contorno
Saranno addirittura "le Allegre comari" del Falstaff a cimentarsi nella preparazione dei piatti storici. Cinzia, Cristina, Ada, Cristiana e Roberta - cuoche per professione o per passione - rielaboreranno le ricette dei piatti tipici, di origine popolare o delle tavole più raffinate, descritti nel trattato di gastronomia "Il Re dei cuochi" di Giovanni Nelli del 1868. Si potranno gustare così il "Dindonneau à la broche" (tacchino allo spiedo), il "Paon à la flamande" (pavone alla fiamminga), il "Brochet à l'Arlequine" (luccio all'Arlecchino), il 'Risotto e Spalla cotta', per finire con la 'Cialda alla crema', lo 'Zabaglione fritto', vera passione di Verdi e il 'Pouding', definito dal trattato eccezionale opera di pasticceria. Ad innaffiare queste specialità, il vino dei colli di Parma e, naturalmente, la musica di Giuseppe Verdi con la partecipazione di strumentisti e cantanti in quello che sarà un omaggio ad un compositore le cui opere arrivano subito al cuore e nello stesso tempo sono state espressione di un'arte raffinata ed elaborata.

Le curiosità
La manifestazione sarà l'occasione per scoprire anche curiosità e aneddoti che circondano il Maestro Verdi. Saranno giovani attori a riproporre, attraverso il carteggio del Maestro con amici e parenti, citazioni e ricordi, le passioni di Verdi per la cucina e il vino. Emergeranno, allora, tra queste, l'adorazione per il caffè, che lui stesso preparava e che definiva "balsamo che conserva l'uomo". O per i cachi, che ricevette da un suo ammiratore, primo importatore degli alberelli dal Giappone, e la cui coltivazione si prodigò per introdurre nella campagna parmense e nella sua tenuta di Sant'Agata (a Villanova sull'Arda).

Tutti gli aneddoti e le curiosità saranno raccontati anche dai numerosi gadget che accompagneranno la mise en place: tovagliette, tovaglioli, menù e segnaposto creati per l'occasione con riproduzioni dei pensieri verdiani legati al cibo.

Date e Info
Mai furono, dunque, più appropriate le parole: "Andiamo a cena", che introducono l'aria Tutto nel mondo è burla tratta dal Falstaff: un invito deciso che l'organizzazione dell'Evento rivolge a tutti. La manifestazione, infatti, è aperta a singoli, gruppi, aziende ed enti che vogliano "assaporare" (è proprio il caso di dirlo) l'occasione di tuffarsi nell'atmosfera verdiana per un'esperienza unica. Quattro le serate di AperiVerdi, dal 22 al 25 settembre all'Osteria della Giarrettiera (alias Antica Cereria) di borgo Tanzi a Parma. La prenotazione è obbligatoria.
Per prenotazioni e informazioni:
Antica Cereria (tel.0521.207387 - e-mail: anticacereria@libero.it)
Associazione Verdissime.com (Nella Tanzi cell.339 3011489 - email: semprelibera@verdissime.com).

Per ulteriori informazioni: www.verdissime.com.

28 luglio 2015, Museo del Vino Sala Baganza (PR)
Conferenza stampa de AperiVerdi: l'Osteria della Giarettiera
Foto: Luca Trascinelli

(cliccare per scaricare il PDF)

Anteprima “AperiVerdi”, giovedì 10 settembre 2015
Portico del grano, Comune di Parma
Festival del Prosciutto

(cliccare per scaricare il PDF)

Poltrona del Falstaff

 

Staff e cuoche del’Osteria della Giarrettiera

 

Luciana Dallari, Cristina Ugolotti, Marina Lenardon

 

Osteria della Giarrettiera
Le scenografie sono state dipinte dal Liceo Artistico Cassinari di Piacenza

 

21 – 25 settembre 2015. Osteria della Giarrettiera
AperiVerdi in occasione di Expo2015

L’allestimento dell’Osteria della Giarrettiera è stato effettuato dagli studenti della quarta e quinta classe
del corso di Scenografia del Liceo Artistico I.S.Tramello Cassinari di Piacenza, coordinati dai
prof.i Cristina Martini e Giovanni Gobbi.

Cuoche, attori, cantanti, strumentisti dell’Osteria della Giarrettiera.

(cliccare per scaricare il PDF)